Quanto è difficile viaggiare con un passaporto israeliano? Lo racconta il blogger arabo Nuseir Yassin

Di: 

Carlotta Jarach

11/07/2017

Il blogger arabo israeiano Nuseir Yassin

Dammi solo un minuto, cantavano i Pooh. Ed è quello che chiede Nuseir Yassin, israelo-palestinese laureato ad Harvard, che da più di un anno ormai riempie Facebook con i suoi video. Rigorosamente tutti, o quasi, della lunghezza di sessanta secondi. Indossa sempre una maglietta con scritto quanto della sua vita ha già speso, ed essendo 25enne, il 33%; con oltre 1 milione e mezzo di likes, NasDaily (così la pagina su Facebook), intrattiene i suoi followers con contenuti nuovi ogni giorno.

Storie di viaggio (e di Israele)

Dopo aver avuto il coraggio di lasciare il proprio lavoro di ingegnere, Nuseir ha iniziato un viaggio, documentato con incredibili panoramiche aeree e una capacità di storytelling che sicuramente ha aiutato ad accrescere il suo successo.

Il suo è un repertorio vastissimo: video su quanto sia economico vivere in Tailandia, sulle incredibili persone incontrate nei suoi mille viaggi, su pazzi progetti e, ovviamente, su Israele.

Nas sta riuscendo a portare sul tavolo di quel caotico mondo che è Facebook temi complessi, ma con leggerezza. Non sventolano bandiere, ma persone, situazioni, storie.

Con il suo sorriso, molti hanno imparato mille e più cose su Israele, tra cui (sorpresa dei più) le mille limitazioni che un passaporto israeliano comporta, vedi il divieto d’accesso in molti paesi. Chiaro e speranzoso, il messaggio di pace che cerca di inculcare coi suoi colorati video: Israele è un bellissimo, e complesso paese. Che chiede la pace.

Tutti motivi per iniziare a guardare i suoi video: lo trovate solo e rigorosamente su Facebook perché, parole sue “Youtube sucks”.

SITO WEB http://nasdaily.com

Guarda gli altri articoli di Personaggi

I commenti sono chiusi.